Pagine

27 marzo 2017

BULGUR E QUINOA...E QUELL'ABBINAMENTO CHE MI PIACE TANTO

E sempre per stare in tema di cucina sana, sempre grazie alle dritte della mia amica Vivi, ho deciso di prepararmi questi primo, leggero, ma di gusto.
Non immaginavo che poi l'abbinamento zucca/feta mi sarebbe così piaciuto da diventare il mio tormentone per i giorni a venire.
Peccato che ormai le zucche stanno terminando la loro stagione!!!




BULGUR E QUINOA CON ZUCCA, FETA E OLIVE TAGGIASCHE

Vale a dire:
1 confezione di bulgur/quinoa Pedon
zucca a cubetti q.b.
erbe provenzali
olive taggiasche q.b.
feta q.b.

Io mi trovo benissimo con i prodotti della Pedon, sono veloci da preparare, ma se preferite potete usare bulgur e quinoa che usate comunemente.
Mettere a bollire dell'acqua salata e contemporaneamente mettere i cubetti di zucca con una spolverata di erbe provenzali ed un filino d'olio in forno a 180° per 15 minuti circa.
Cuocere il bulgur e quinoa per i 10 minuti come indicato sulla confezione.
Intanto tagliare a cubetti la feta ed aggiungerci qualche oliva taggiasca.
Scolare il bulgur/quinoa e condirlo con la zucca al forno, la feta e le olive taggiasche.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!

Braci&Abbracci

16 marzo 2017

STRUDEL VELOCE VELOCE CON QUEL PIZZICO IN PIU'

Qualcuno di voi ancora non sa che adoro i dolci con le mele?
Ed allora ve ne schiaffo un altro...
Un dolcetto veloce direi che pizzica un po' la lingua per la presenza dello zenzero (che mi piace tatno...per cui credo d'aver esagerato un po' a metterlo!!!).
Lo so che lo strudel prevede la cannella, ma si potrà ogni tanto variare qualcosina nella vita?


STUDEL DI MELE CARAMELLATE E ZENZERO VELOCE

Vale a dire:
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
4 mele
zucchero di canna q.b.
1 pezzo di zenzero
uvetta ammollata in un po' di liquore all'arancia e acqua
pinoli tostati q.b.

latte e zucchero di canna
zucchero a velo per spolverare

Pelare le mele e tagliarle a pezzettoni, metterle in una padella con 2-3 cucchiaiate di zucchero di canna e cuocerle finchè non avranno buttato fuori tutta la loro acqua, girandole delicatamente per non romperle.
A fine cottura grattugiarci sopra lo zenzero a piacere.
Lasciare raffreddare bene, poi unire l'uvetta strizzata ed i pinoli leggermente tostati.
Stendere la pasta sfoglia lasciandola sulla sua carta forno e versarci al centro il composto di mele, uvetta e pinoli.
Chiudere arrotolandolo la pasta sfoglia, praticare dei piccoli tagli sulla superficie, spennellare con un po' di latte e spolverare con zucchero di canna e zucchero a velo.
Forno preriscaldato a 200° infornare per circa 20 minuti e comunque fino a doratura della superficie.
Spolverare nuovamente con zucchero a velo e servire caldo, tiepido o freddo (io lo adoro col gelato!)

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci

9 marzo 2017

I MIEI CANESTRELLI

Non sono fuggita, tanto meno ho deciso di abbandonare questo mio micro blog spazio dove posso dare sfogo alle mie elucubrazioni menteli o semplicemente postare qualche ricetta, magari anche condividendo con voi qualche foto che nella mucchia riesce un pochino meglio!!!
No...sono semplimente incasinatissima...
Incasinata, ma almeno spesso col sorriso...sì, ho ritrovato quel raggio di sole che da mesi e mesi non vedevo più nè dentro nè fuori e che forse iniziavo a sentirne davvero la mancanza ed il bisogno.
Ho forse finalmente iniziato a chiudere quel libro pesante che non riuscivo più a mandare avanti, per iniziarne uno nuovo....
Ma con calma, con molta calma...




I MIEI CANESTRELLI

Vale a dire:
250 gr di farina 00
250 gr di maizena
250 gr di burro
5 tuorli sodi
150 gr di zucchero a velo
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
scorza di 1 limone bio

zucchero a velo per spolverare

Passare i tuorli sodi al setaccio per renderli farinosi e senza grumi e metterli direttamente nella planetaria. Aggiungere la farina, la maizena (va bene anche la fecola di patate), lo zucchero a velo ed i restanti ingredienti ed azionare la macchina finchè non avrete ottenuto un composto omogeneo.
avvolgerlo nella pellicola e metterlo a riposare in frigo per un'ora almeno.
Stendere sulla spianatoia leggermente infarinata l'impasto ad uno spessore di 1 cm e ricavare con l'apposito stampo a fiore i canestrelli (se non lo avete si possono dare anche altre forme, sono certa andranno mangiati ugualmente!).
Metterli su una teglia foderata di carta forno ed infornare a 170-175° per 20-25 minuti (i tempi dipendo dal forno), l'importante è che non scuriscano.
Toglierli, lasciarli raffreddare e spolverarli di zucchero a velo.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci

21 febbraio 2017

FRITTELLE DI CARNEVALE RIPIENE

Quelle frittelle che restano vuote dentro giuste per essere riempite con una golosa crema pasticcera o al cioccolato….
Anche sto anno per carnevale ci siamo coccolati così
...ma perchè il fritto è sempre buono?...




FRITTELLE DI CARNEVALE RIPIENE

Vale a dire:
per le frittelle:
300 gr di farina
350 gr di acqua
100 gr di burro
5 uova medie
30 gr di zucchero
2 cucchiaini di lievito chimico per dolci
1 pizzico di sale
scorza di 1 arancia
2 cucchiai di liquore all’arancia
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

olio per friggere

per farcire:
crema pasticcera e al cacao
zucchero a velo

Preparare una pasta choux mettendo acqua, burro ed un pizzico di sale sul fuoco. Quando inizia a sobbollire buttare tutta farina e mescolare continuando la cottura finchè l’impasto non si staccherà dalle pareti sfrigolando.
Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.
Quando sarà freddo o a mano a con l’aiuto di un frullatore o dell’impastatrice inserire un uovo alla volta aspettando ad inserire il successivo quando il precedente sarà ben incorporato.
Terminate di inserire le uova si potrà aggiungere prima lo zucchero, il lievito poi gli aromi, la scorza dell’arancia, l’estratto di vaniglia ed il liquore. Coprire con pellicola e mettere in frigo a riposare per 30 minuti. Nel frattempo scaldate l’olio.
Friggere le frittelle in abbondante olio a 165°-170° usando due cucchiai per mettere il composto nell’olio.
Mettere le frittelle su carta assorbente a raffreddare.
Non appena le frittelle saranno fredde riempirle con una sàc à poche e spolverare con lo zucchero a velo.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



6 febbraio 2017

NOCCIOLOTTI ALLA CANNELLA...E SI BISCOTTA

Tantissime anche quest’anno sono state le nocciole che il mio stupendo cespuglio mi ha regalato. E sì, anche quest’anno dovrò strolgare un po’ di ricette per utilizzarle (a parte tutte quelle che mangerò semplicemente tostate magari davanti alla tv)
Ma iniziamo con questi biscotti, morbidi e da quel retrogusto di cannella (ma voi potete ometterla e mettere scorza d’arancia o vaniglia se preferite!!!). La ricetta da cui ho preso spunto è questa qua


NOCCIOLOTTI ALLA CANNELLA

Vale a dire:
300 gr di nocciole già sgusciate e tostate
2 uova grandi
40 gr di farina 00
110 gr di zucchero semolato
1 cucchiaino di cacao amaro
2 gr di cannella

Iniziate subito scaldando il forno a 180°
Tritare grossolanamente le nocciole e mettete tutti gli ingredienti nel mixer o nella planetaria o semplicemente mescolate tutto assieme.
Con due cucchiai ricavate delle quenelle (o fate delle palline, ma bagnatevi bene le mani, perché l’impasto risulterà particolarmente morbido) e adagiatele su una teglia ricoperta di carta forno.
Infornare per 20-25 minuti, sfornate e lasciate raffreddare su una griglia.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



30 gennaio 2017

CREMA FRITTA

Sono sincera...questa ricetta annesse foto sono dell'anno scorso, ma non avevo fatto in tempo a pubblicarle e così oggi ve la propongo....


CREMA FRITTA

Vale a dire:
200 gr di panna fresca
300 di latte fresco
2 uova intere
80 gr di farina 00
120 gr di zucchero semolato
1 albume
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
pane grattugiato q.b.
olio per friggere
zucchero semolato

La ricetta è quella di Paoletta che ormai non abbandono più e addirittura la adatto alle necessità. Questa volta per esempio ho aumentato la farina per poter ottenere una crema più soda da poter friggere.
Ovviamente anche questa volta ho usato il forno a microonde.
In una boule di vetro (o in un contenitore adatto al micro) mettere la panna, il latte, l’estratto di vaniglia, le uova e sbattere un po’ con una frusta, poi aggiungere lo zucchero, il pizzico di sale e la farina (mescolando bene con la frusta per evitare che si formino grumi).
Inserire nel micro e dare 3 minuti alla max potenza.
Estrarre la boule, mescolare bene con la frusta e reinserire nel micro per 1 minuto.
Continuare così finchè non otterrete la consistenza desiderata. Per la crema fritta il composto deve essere bello sodo.
Togliere dal micro e versare in una teglia coperta da carta forno leggermente oleata ad uno spessore di 1 cm circa. Lasciare raffreddare (io tutta la notte in frigo)
Tagliare a rombi (o della forma che preferite), passate nell’albume leggermente sbattuto, poi nel pane grattugiato e friggere.
Appoggiare su carta assorbente e poi nello zucchero semolato.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



23 gennaio 2017

UN FORTE ABBRACCIO....

Si riparte dal lunedì
...vorrei mandare un fortissimo abbraccio a tutti quelli che in questo momento vivono momenti difficili tra il maltempo ed il terremoto ed uno speciale a tutte quelle famiglie che direttamente o indirettamente sono stati colpiti dal disastro dell'Hotel Rigopiano....



BRIOCHETTE

Vale a dire:
150 gr di farina 00
150 gr di manitoba
40 gr di fiocchi di patate
2 uova
50 gr di zucchero semolato
50 gr di burro bavarese
4 gr di lievito di birra fresco
150 gr di panna liquida
scorza di limone grattugiato
latte – zucchero in granella - zucchero a velo

Nella ciotola dell’impastatrice mettere la panna a temperatura ambiente e scioglierci dentro il lievito di birra. Mescolare le farine con i fiocchi di patate.
Quando il lievito sarà ben sciolto inserire il mix di farine, poi inserire un uovo alla volta con 1/3 dello zucchero ed aspettare che sia ben inglobato prima di inserire quello successivo.
Con l’ultima parte dello zucchero inserire anche il sale.
Spatolare leggermente il burro prima di inserirne un fiocco alla volta ed anche in questo caso aspettare che venga ben amalgamato prima di inserire quello successivo.
Ribaltare un paio di volte l’impasto. Alla fine inserire la scorza grattugiata del limone.
Lasciare ancora andare un po’ l’impastatrice finchè si otterrà un composto bello liscio ed amalgamato e sarà ben incordato.
Sulla spianatoia versare il composto fare un giro di pieghe a libro ed arrotolarlo. Metterlo in un contenitore leggermente unto e coprire.
Lasciare riposare 20 minuti prima di mettere il contenitore in frigo per tutta la notte.
Il mattino seguente togliere dal frigo e lasciare riposare nel forno con la luce accesa per 1 ora e mezza.
Dividere in panetti da 50 gr e dargli le forme che preferite (trecce, paninetti, ecc)
Mettere le briochette ottenute in una teglia foderata con carta forno. Coprire con pellicola e lasciare lievitare fino al raddoppio.
Forno 175°.
Prima di infornare spennellare con latte, mettere un po’ di zucchero in granelli ed infornare per 20 minuti (o fino a doratura).
Lasciare raffreddare su una griglia e spolverare prima di servire.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



19 gennaio 2017

SFRAPPOLE A 4 MANI

E' iniziato il carnevale...
La ricetta di queste "sfrappole" è nata da una ricetta di mia mamma che insieme abbiamo l'anno scorso modificato e trasformato generando un ottimo risultato...


SFRAPPOLE A 4 MANI

Vale a dire:
260 gr di farina 00
1 uovo
1 pizzico di sale
15 gr di burro
5 gr di lievito chimico per dolci
20 gr di zucchero a velo + quello per spolverarle
45-50 gr di liquore all’arancia
1 cucchiaino circa di estratto di vaniglia
scorza di 1 limone
latte q.b. (se dovesse servire)

olio di semi di girasole per friggere

Nell’impastatrice abbiamo messo tutti gli ingredienti a parte il latte ed abbiamo azionato la macchina. Se dovesse servire aggiungere un goccio di latte (noi 1 cucchiaio). Il composto dovrà essere liscio, ma non molliccio, altrimenti non riuscirete a stenderlo col mattarello o la macchina.
Avvolgere il composto nella pellicola e lasciare riposare almeno 30 minuti.
Aiutandovi con la macchina per la pasta (o col mattarello) stendere il composto e tagliare a rombi.
Friggere in abbondante olio già caldo, sgocciolare su carta assorbente e spolverare subito di zucchero a velo.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



9 gennaio 2017

CIAMBELLA BICOLOR E SI VA AVANTI!!!

Si riparte, anno nuovo e di certo vita nuova...
Cambiamenti...cambiamenti iniziati nel 2016 e che spero di concretizzare e comunque portare avanti in questo nuovo anno....



CIAMBELLA BICOLOR

Vale a dire:
190 gr di farina 00
50 gr di farina di riso
1 dose
1 pizzico di sale
200 gr di zucchero
200 gr di burro t.a.
4 uova
50 gr di cacao amaro
½ bicchiere di latte
Estratto di vaniglia
Zucchero a velo

Montare il burro con lo zucchero, poi unire la vaniglia e le uova una alla volta. A questo punto iniziare ad inserire le farine miscelate con il lievito ed il sale.
Versare metà impasto a cucchiaiate in uno stampo precedentemente imburrato e nell’altra metà aggiungere il cacao ed il latte.
Ora versare anche il restante impasto sempre a cucchiaiate e aiutandovi con uno spiedino variegare l’impasto..
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30-40 minuti (vale la prova stecchino).
Lasciare raffreddare e spolverare di zucchero a velo prima di servire

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



19 dicembre 2016

PANDORLATO CIOCCOLATO E ARANCIO CANDITO

Meglio partire adesso....la slitta carica di regali ed auguri di Buone Feste è partita e ne approfitto per fare a tutti voi i miei migliori Auguri di Buone Feste


PANDORLATO CON CIOCCOLATO FONDENTE E ARANCE CANDITE
Ho completamente stravolto la ricetta di Paoletta,

Vale a dire:
280 gr di farina W350 (io W400)
80 gr di latte
90 gr di zucchero
110 gr di burro bavarese
3 uova intere (180 gr) (io quelle delle bimbe, ma non le ho pesate!!!)
8 gr di lievito di birra
5 gr di sale
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 cucchiai di liquore all’arancia
1 cucchiaino di miele d’acacia (io bio)
cioccolato fondente q.b.
3 fette di arance candite (gentilmente preparate e regalate dal mitico Carlo)
1 albume + mandorle + granella di zucchero + zucchero a velo

Mescolare il latte tiepido con il lievito, il miele e 70 gr di farina, coprire con la pellicola e lasciare riposare per un’oretta finché non raddoppia.
Unire gli albumi, il resto della farina e mescolare con la foglia a bassa velocità, aggiungere il liquore ed aumentare la velocità.
In un bicchiere mettere sotto il sale e sopra lo zucchero. Abbassare un po’ la velocità ed inserire un tuorlo alla volta con un po’ di zucchero, lasciare incordare, mettere l’altro tuorlo con un altro po’ di zucchero e terminare con tuorlo e zucchero/sale.
Lasciare incordare ed aggiungere un po’ alla volta il burro (precedentemente spatolato) un po’ alla volta, aspettando che il pezzo precedente sia stato inglobato.
Inserire anche l’estratto di vaniglia.
L’impasto dovrà essere ben incordato e staccarsi dalle pareti per cui armarsi di pazienza e ribaltare l’impasto ogni tanto.
A parte tritare grossolanamente il cioccolato fondente e ridotto a cubetti le arance candite (troppo buone quelle di Carlo).
Versare l’impasto sulla spianatoia e fare un paio di pieghe a libro. Rimettere nell’impastatrice, versare sopra i canditi ed il cioccolato fondente e con il gancio inglobare questi ultimi.
Ribaltare nuovamente e come si farebbe col panettone fare un po’ di pieghe a U prima di chiudere a palla e “pirlare” l’impasto. Coprirlo a cupola per 30 minuti e “pirlare” ancora prima di mettere il composto in un pirottino (controllare il peso dell’impasto ed usare quello giusto).
Coprire con pellicola aspettare 40-50 minuti e poi mettere in frigo per 12 ore.
Al mattino seguente togliere dal frigo ed aspettare che tornato a temperatura ambiente riprenda la lievitazione.
Sarà pronto quando sarà a 1 dito sotto dal bordo.
Prima di infornare sbattere leggermente l’albume e spennellarlo sopra al mandorlato, zucchero in granella, qualche mandorla e bella spolverata di zucchero a velo.
Forno preriscaldato nel mio caso 180° per 40 mins (temperatura interna al mandorlato 93°!!!!)

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



13 dicembre 2016

RISOTTO PERE, GORGONZOLA E NOCI

Cucino ormai sempre con la testa fra le nuvole, quelle nuvole di sogni, di emozioni, di sguardi, di attese...
...cucino guardando l'orologio che gira lento...


RISOTTO PERE, GORGONZOLA E NOCI

Vale a dire x 1 persona (me):
70 gr di riso Carnaroli (o quello che preferite)
1 pera
gorgonzola – gherigli di noci q.b.
1 goccio di vino bianco
brodo vegetale q.b.

In un micro tegamino mettere un goccio d’olio ed il riso a tostare. Sfumare col vino bianco e quando sarà tutto evaporato allungare col brodo vegetale.
Proseguire la cottura come indicato sulla confezione.
Mentre il riso cuoce scavare la pera (se la volete usare come ho fatto io come contenitore) e tagliare a cubetti la polpa.
Un paio di minuti prima dello scadere del tempo aggiungere il gorgonzola, aggiungere la polpa della pera a cubetti ed i gherigli di noce tritati grossolanamente.
Impiattare usando la pera come contenitore o direttamente nel piatto di portata.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



BULGUR E QUINOA...E QUELL'ABBINAMENTO CHE MI PIACE TANTO

E sempre per stare in tema di cucina sana, sempre grazie alle dritte della mia amica Vivi, ho deciso di prepararmi questi primo, leggero, ma...