Pagine

11 marzo 2013

DANUBIO COL METODO TANG ZHONG

Sono a casa col piccolo malato ed a parte lavare, stirare non ho neanche la soddisfazione di poter preparare da mangiare, perché siamo solo noi due e lui non vuole toccare cibo (si vede che non sta bene!!!)…
Ma ho bisogno di sfogarmi e di sfornare qualcosa…
Allora per non pensarci mi sono messa a mettere a posto un po’ di ricette altrimenti questo portatile inizia a lanciarmi dietro i file salvati a casaccio….tra una cartella “da controllare”, una “da vedere” e un’altra “da mettere a posto”, ma non potevo farne una sola? Chissà cosa pensavo…
Beh alla fine mi tuffo nel metodo orientale Tang Zhong con cui sempre più spesso faccio il pane…e mi domando, ma se provo a cambiare questo e quello ad aggiungere questo ed a togliere quello che cosa viene fuori? Resterà morbido come il pane o si affloscerà su se tesso appena tocca il forno?
Dai allora Mila “ti sei lavata le mani?” e sapete cosa vi dico oltre a provare questo metodo posso anche riciclare tutti quei cioccolatini che la Befana ha portato (l’ennesima conferma che la Befana e la migliore amica non dei bambini, ma dei dentisti!!!!)...visto che tra poco la Pasqua ne porterà altri...




DANUBIO COL METODO TANG ZHONG

Vale a dire:
per il tang zhong
150 gr di latte di soia
30 gr di farina 0
un pizzico di sale

per l’impasto:
50 gr farina di riso
240 gr farina 0 Manitoba Molino Cosma
260 gr farina per pizza Molino Cosma
120 gr di latte (io latte di soia)
120 gr di acqua
60 gr di burro temperatura ambiente
120 gr di zucchero
10 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di malto d’orzo
1 uovo (sui 60 gr col guscio) + 1 tuorlo
8 gr di sale
tutto il Tang Zhong
1,5 cucchiaino di estratto di vaniglia liquido

per guarnire:
cioccolatini – zucchero a velo – granella di zucchero – mix di zucchero grezzo e non
1 tuorlo + un goccio di latte per spennellare

Preparare il Tang Zhong mettendo in un pentolino il latte, il pizzico di sale e la farina e cuocere a fuoco basso fino a portare il tutto ad una temperatura di 65° e se non avete il termometro finché mescolando riuscirete a vedere il fondo del tegamino.
Lasciate raffreddare la cremina ottenuta mescolandola di tanto in tanto altrimenti farà la crosticina.
Mescolare il latte di soia e l’acqua a temperatura ambiente e scioglierci dentro il lievito di birra con il cucchiaino di malto d’orzo.
Nella planetaria mettere le farine, lo zucchero ed azionare la foglia. Aggiungere l’acqua col latte ed il lievito, poi inserire le uova leggermente sbattute, il sale e tutto il Tang Zhong. Quando l’impasto sarà liscio togliere la foglia, mettere il gancio ed aggiungere un pezzetto alla volta il burro e per finire l’aroma vaniglia.
Lasciare incordare, poi stendetelo sul piano di lavoro e fare un giro di pieghe, avvolgete a palla, rimettete nella ciotola della planetaria e coprite con pellicola e lasciate lievitare fino a raddoppio (io l’ho lasciato circa 2 ore).
Rimettete l’impasto sul piano di lavoro infarinato, date un altro giro di pieghe e coprite con la ciotola della planetaria per circa 30 mins.
Ricavare dall’impasto delle palline di circa 100 gr, schiacciarle leggermente posizionare al centro un cioccolatino, arrotolare su se stesso poi piegare i due lati esterni fino a dare la forma di palla che posizionerete in una teglia foderata con carta forno. Continuare con tutto il restante impasto (tenete presente che lieviteranno molto!!!
Se avanza dell’impasto potete fare delle focaccine.
Coprire con pellicola e lasciare lievitare finchè l’impasto non sarà arrivato quasi al bordo.
Prima di infornare spennellare con uovo e latte, mettere la granella di zucchero, il mix di zucchero ed un’abbondante spolverata di zucchero a velo.
Cuocere in forno preriscaldato 190° per 45 mins (vale la prova stecchino), se vedete che tende a scurire la superficie copritela con un foglio di alluminio.
Sformare praticamente subito ed avvolgere in un telo fino a totale raffreddamento.
Non so quanto dura, perché in due giorni è stato divorato, ma se dovesse resistere al primo attacco vi consiglio di conservarlo in un sacchetto di cellophan da cucina…e se volete scaldate le fette 20 sec nel micro prima di servirle, così il cioccolato all’interno si scoglierà….

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!

Braci&Abbracci

16 commenti:

  1. Ciao Mila,
    adoro i lievitati dolci e salati e questo tuo oggi è una visione...
    Brava!
    Federica.
    ps: anche il mio piccoletto settimana scorsa ha avuto la febbre alta ma che è durata poco spero che anche a tuo figlio passi presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede, per fortuna tutto ok!!!

      Elimina
  2. Oh povero piccolo.. spero guarisca presto, amica mia! E tu hai davvero dato il meglio di te in questa ricetta favolosa! :D Deve essere sofficissimo.. avevo sentito parlare di questo metodo ma non mi ci sono mai cimentata: visto il risultato non mi resta che provare!! Complimenti di cuore e un abbraccio per una settimana stupenda :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely provalo perchè ne vale la pena!!!
      Un abbraccio a tutto il bosco

      Elimina
  3. BELLA RICETTA PER IL DANUBBIO-.

    RispondiElimina
  4. bella questo metodo lo avevo già sentito in giro ma non l'ho ancora provato. Brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Paola io l'ho provato col pane ed ora non riesco a farne a meno!!!
      Un abbracciotto

      Elimina
  5. Ciao Mila,
    io adoro i lievitati :-)!!
    voglio provare il tuo metodo! Buona serata,
    Elisa (www.psicheecannella.blogspot.it)

    RispondiElimina
  6. Ciao Mila!con una tale golosità tuo figlio è guarito al volo!come la mia che è piena di mal di gola per finire la bistecca (si proprio bistecca) ma che guarisce improvvisamente davanti ad un pezzo di cioccolata portata a casa dopo un viaggio da papà! Davanti alla tua delizia, anche se è mezzanotte, ne mangerei 2 fette anch'io.. Bon nuit carissima! riposa bene così ti vengono tante belle idee mangerecce.. Robin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robin GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEE....sei sempre presente e sei davvero adorabile!!!

      Elimina
  7. Mila, che visione! Complimenti davvero, una riuscita spettacolare e che è unadelizia è proprio innegabile: le foto sfondano il mio monitor. Peccato non poterlo addentare!!!

    RispondiElimina
  8. O_O uso anch'io questo metodo, mi piace molto, mi segno anche la tua ricetta m'ispira tantisssssimo!!sempre bravissima!ciaooooooooo

    RispondiElimina
  9. Ciao Mila, sono Rosy (di Non solo cucine isolane), appena puoi passa da me, hai un premio da ritirare!!
    Il tuo Danubio è bellissimo, si vede che ha una consistenza proprio soffice..viene davvero voglia di assaggiarlo!
    Un bacione!!
    Rosy

    RispondiElimina
  10. devo dire che a cambiare questo e quello ti è andata bene!!!

    RispondiElimina

Grazie per ogni commento, suggerimento o critica, tutto può aiutare a migliorarsi....
Magari non immediatamente, ma appena posso passerò a ringraziare tutti!!!

TORTA ANANAS E COCCO

Di solito l’ananas sciroppata la compero per il mio bimbo che ogni tanto viene assalito dalle voglie e me la chiede. Ma visto che quel ba...