Pagine

30 marzo 2015

BIGNE' ALLA CREMA

Sicuramente tutti sapete perché la pasta dei bignè si chiama pasta choux…io ammetto la mia ignoranza e vi confesso che l’ho scoperto che non sono tanti anni.
Gli choux, o bignè deriva ala francese chou che vuol dire cavolo, perché i dolcetti assomigliano ai cavoletti di Bruxelles…
È un impasto che viene cotto in due tempi, sembra complicato, ma credetemi alla fine si rivela più semplice del previsto…magari i primi non vi verranno tutti uguali o perfetti, ma è solo una questione di prenderci la mano!!!
E poi con lo stesso impasto si possono ricavare èclairs, bignè, choux a S, i cigni o addirittura i paris brest, per cui credo valga la pena di provarli!!!!





BIGNE’ ALLA CREMA GLASSATI

Vale a dire per la pasta choux:
6 uova medie
500 gr acqua
250 farina 00
125 gr di burro
1 pizzico di sale

per la crema pasticcera:
500 gr di latte fresco
3 turoli
140 gr di zucchero
40 gr di farina
1 bacca di vaniglia

per la glassa:
20 gr di albume
90-100 gr di zucchero a velo
qualche goccia di succo di limone

La sera prima preparare la crema pasticcera mettendo sul fuoco il latte con la bacca di vaniglia e ¾ dello zucchero. In una boule mescolare le uova con il restante zucchero e la farina. Quando il latte sarà tiepido (non deve bollire) versare un paio di mestoli di latte caldo nelle uova mescolando bene per evitare grumi, poi versare il contenuto della boule nel latte ancora sul fuoco e cuocere mescolando sempre, finchè la crema non avrà raggiunto la consistenza desiderata (io normalmente quando ho bisogno di una crema consistente dal momento che il latte inizia a sobbollire lascio un paio di minuti, poi tolgo dal fuoco).
Fuori dal fuoco mescolare per qualche minuto, poi versare in una boule di vetro, coprire a contatto con pellicola per alimenti e lasciare raffreddare.
Per la pasta choux portare a ebollizione l’acqua con il burro ed il pizzico di sale. Quando inizierà a sobbollire versare tutta in una volta la farina e mescolare energicamente per evitare che si formino grumi finchè il composto inizierà a staccarsi dalle pareti sfigolando.
Trasferire l’impasto in una ciotola fredda e lasciare raffreddare. A questo punto iniziare ad inserire un uovo alla volta aiutandovi con le fruste elettriche, o con un cucchiaio di legno o come ho fatto io (ve lo confesso) con l’impastatrice (perché fare fatica se si può evitare?)
Lavora l’impasto finchè sarà bello liscio e cremoso. Mettere in una sacca da pasticcere e modellare a piacere.
Per i bignè bisognerebbe distribuire dei ciuffetti distanziati in una teglia ricoperta di carta forno e lisciare la superficie con un dito bagnato d’acqua (io salto l’ultimo passaggio, perché mi piacciono con le punte!!!)
Infornarli a 190-200° per 25-30 minuti a seconda delle dimensioni (e dal forno!!!)
Metterli a raffreddare.
Preparare la glassa mescolando l’albume con lo zucchero a velo qualche goccia di limone, così si otterrà una glassa neutra, ma se volete potete aggiungere caffè, cacao o liquore per aromatizzarla.
Riempire i bignè usando una sacca da pasticcere con la crema, poi passateli nella glassa e pappateveli prima che arrivino gli altri!!!!

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



34 commenti:

  1. Complimenti per i tuoi bignè.. Sembrano davvero davvero deliziosi!!!
    Un saluto,
    Marinuccia
    http://primipassiincucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che non facendoli spesso come vorrei, non sono venuti malaccio, certo dovrebbero essere tutti uguali, ma chi se ne frega...quando li mangiano non se ne accorgono mai!!!!

      Elimina
  2. sììì !!! un paio di settimane fà ho fatto per la prima volta il profiterol per il compleanno di mio fratello!
    bonooo!
    e anche a me piacciono le punte... ma che assomigliassero ai cavoletti di bruxelles non ci avevo davvero pensato..anche se è vero!
    e a te sono venuti una meraviglia, anch'io credo li rifarò alla prossima occasione magari glassati così!
    un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo. Un super abbracciotto

      Elimina
  3. per quanto ami i cavoletti di Bruxelles questi tuoi bignè hanno un altro sapore e profumo ! Buona settimana, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e per fortuna!!! Grazie mille Chiara e buona giornata

      Elimina
  4. Bellissimi questi bignè!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Oh oh !! Io lo sto scoprendo adesso, grazie dell'info e complimenti per la ricetta

    RispondiElimina
  6. Altro che se ne vale la pena!! sono bellissimi! bravissima Mila :*

    RispondiElimina
  7. E' bello non esser l'unica a scoprire tardi le cose :D io non lo sapevo ancora il perché del nome pasta choux...
    Quindi grazie hihihihi
    Comunque ho in mente già da un po' una ricetta strana per dei profiteroles tutti particolari..
    Quasi quasi uso la tua ricetta per creare i bigné :D
    A presto Mila. Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  8. tesoro ti sono venuti perfetti e poi con quella glassa...goduriosi!!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  9. Pensa che io li ho fatti solo una volta..e tu mi hai fatto venire una voglia matta di replicare :-)

    RispondiElimina
  10. Non lo sapevo neppure io!! Che origine carina! Sono splendidi Mila, brava!!

    RispondiElimina
  11. Posso morire di indigestione dei tuoi bigné????
    Sono tra i miei pasticcini preferiti...!
    Bravissima, le foto sono super e la ricetta anche!

    RispondiElimina
  12. io adoro i bignè, i tuoi sono venuti benissimo;)

    RispondiElimina
  13. Ciao Mila, ignoravo l'accostamento della pasta choux con i cavoletti di Bruxelles, davvero interessante:))
    ti faccio i miei migliori complimenti per questi meravigliosi bignè: il loro aspetto è golosissimo e perfetto, mi hai fatto venire un'acquolina incredibile:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  14. curiosissima l'associazione bignè-cavoletti. non si finisce mai di scoprirne di nuove :)
    sono fantastici, una tentazione a cui difficilmente riesco a resistere
    baci, buona giornata

    RispondiElimina
  15. Perfetti,sempre graditi,bravissima

    RispondiElimina
  16. Ciao Mila, grazie per essere passat ad me, senti è un sacco che non faccio i bignè e mi hai fattp riflettere che potrebbero essere il secondo dolcetto da accompagnare la PAstiera domenica a pranzo!!! Grazie...vedi, a volte basta poco per risolvere le cose. Ciao Flavia
    P.S. se ti va ti aspetto al mio gioco...che Cristiana ha delle belle ricette!!!

    RispondiElimina
  17. Bellissimi, sono venuti una meraviglia! Complimenti!
    Anch'io li ho preparati a S.Giuseppe, sono delle leccornie da non perdere!!!
    Ti auguro una serena settimana! Baci Rosa

    RispondiElimina
  18. Non li ho mai fatti in casa, rimando sempre!! I tuoi sono stupendi, e ripieni di crema, poi.... Da piccola mia madre li riempiva di panna montata, ma la crema vince!

    RispondiElimina
  19. mi piacciono sempre tantissimo e tu li hai fatti divinamente! va che bellini che sono!!!

    RispondiElimina
  20. un classico che non finisce mai di stupire molto bella la glassatura

    RispondiElimina
  21. un bocconcino supergoloso...
    Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per essere passata e per gli auguri che contraccambio di cuore

      Elimina
  22. un bocconcino supergoloso...
    Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  23. Mi piace la glassa sopra i bignè ripieni di crema!!! Ummmh me ne papperei uno volentieri proprio adesso ;)
    Ciao, Michaela.

    RispondiElimina
  24. Come sono belli Mila, mi piacciono un sacco! e quella glassa è stesa con arte.. complimenti!

    RispondiElimina
  25. Veramente deliziosi cara Mila, una vera goduria! Ti sono venuti benissimo, bravissima come sempre!
    Un caro abbraccio e felice giornata!
    Laura♡♡♡

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Grazie per ogni commento, suggerimento o critica, tutto può aiutare a migliorarsi....
Magari non immediatamente, ma appena posso passerò a ringraziare tutti!!!

CROSTATA DI RISO

Questa crostata che ho vista da lei e mille volte mi sono detta “devo provarla”…ecco penso sia arrivato il momento per condividerla con vo...